Melito di Napoli - via delle Costellazioni 69 - 081.711.41.95

Martedì, 25 Marzo 2014 00:00

"Sindrome di Primavera"

Vota questo articolo
(0 Voti)
Sindrome di Primavera Sindrome di Primavera

Sonnolenza? Capricci? Stanchezza? Ecco a noi il “mal di primavera”...

Da marzo a maggio, attraversando Aprile, avviene il tanto desiderato annuale risveglio di natura e colori e, con loro, anche la nostra voglia di uscire con l'aumento della luce del giorno ma, paradossalmente, ci troviamo a domandarci il perché ci sentiamo stanchi, svogliati ed abbiamo tanta voglia di dormire e perché soprattutto i bambini si sentono ciondolanti, fiacchi, capricciosi, poco collaborativi  a scuola  e con scarsa voglia di fare?

Si chiama  "Sindrome di Primavera".

Un insieme di piccoli malesseri passeggeri che trovano spiegazione semplicemente osservando i fenomeni climatici naturali  di questi giorni, i continui mutamenti atmosferici e bruschi sbalzi di temperatura da calda a fredda. Senza elencare poi con il fiorire di mimose, graminacee, parietarie, ulivi,  il risentimento che ne hanno i soggetti che soffrono di allergie, un problema che colpisce circa 18 milioni di persone e, di queste, 1 milione e 200 mila sono bambini.

Mentre l'argomento allergie va risolto in un reale contesto medico e quindi é consigliabile, come raccomandano gli esperti, prevenire con farmaci che impediscano al polline respirato di infiammare le mucose, per quanto riguarda il "mal di primavera" dobbiamo evitare inutili allarmismi perchè non ė un reale problema. Semplicemente, l'organismo ha bisogno di adattarsi ai nuovi ritmi ed ha solo bisogno del tempo giusto per farlo.

I principali responsabili, come abbiamo già elencato, sono gli sbalzi di temperatura ed il maggior numero di ore di luce. Basterà semplicemente assecondare l'organismo, coprirci se la temperatura scende cercando di non sudare, ed evitare indumenti pesanti, soprattutto per i piccoli, favorendo attività all'aria aperta quando la temperatura è giusta. Facciamo in modo che i bambini riescano a dormire 8/9 ore per notte, soprattutto, quando il giorno successivo li attende la scuola, e cerchiamo di non sovraccaricarli di impegni durante il giorno.

Un altro accorgimento necessario ė riequilibrare la dieta incrementando l'assunzione di vitamine e sali minerali, inserendo nella dieta giornaliera pesce, soprattutto quello azzurro, frutta e verdura di stagione.  

In poche parole: "ASSECONDIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA".